27 Maggio 2022
visibility
BLOG

IL PARQUET

ZONA NOTTE
scritto da MARILENA MAZZONE il 29-04-2022 11:05
Ricordo ancora quando io e mio marito Giorgio costruivamo casa poco prima del matrimonio. L'idea della villetta in collina con il giardino intorno in cui trascorrere momenti felici ci attraeva moltissimo. Totalmente "bianchi" in merito a cosa servisse per realizzare ciò che c'era nella nostra fantasia ci siamo avvicinati al mondo dei materiali da costruzione e delle rifiniture. Fu in quel momento che incontrai il parquet! Materiale: legno (che adoro...forse si era capito!). Colore: caldo e avvolgente. Effetto finale: accogliente. Divenne il protagonista dei pavimenti in tutta la casa! Ai tempi comincia a farmi una piccola cultura in merito: lo spessore deve essere non al disotto dei 15 mm per poter essere levigato senza corrodersi nelle fasi di manutenzione; il colore deve essere abbinato e mai contrastante con quello della mobilia; il massetto non deve contenere troppa calce perché porta umidità, la nemica numero uno del legno; sotto i listelli, oltre al collante, va messo il primer per una migliore resa e tenuta del pavimento. Detto questo, una casa col parquet a me piace da morire! Mi richiama l'idea dello chalet di montagna, del camino acceso e del calore degli ambienti. E' bellissimo camminarvi sopra a piedi nudi sia in estate che in inverno e soprattutto è morbido al tatto. Ma il mio carissimo amico parquet nasconde molte insidie. La pulizia deve essere attenta, effettuata con i prodotti giusti ( mai aggressivi) e senza troppa acqua...altrimenti i listelli possono scollarsi tra di loro, fare infiltrare il liquido e gonfiarsi. E poi, occhio ai movimenti. Basta un mobile pesante, una sedia senza gommini sotto le gambe o persino i tacchi delle signore (ps: amore e odio per questo maledetto e amatissimo accessorio, cioè le scarpe coi tacchi!) possono rendere la lucidatura, splendida e costosissima del pavimento in parquet, praticamente una grattugia per il formaggio. Ahimè il mio parquet da qualche anno a questa parte chiede aiuto a gran voce; soprattutto dopo il passaggio dei "vandali", cioè i miei monellissimi nanetti che fanno scorrazzare macchinine radiocomandate e pennarelli di ogni tipo su questo preziosissimo pavimento. Aspetterò qualche anno, tempo che le belvette diventino più assennate, e dopo...solo dopo...ascolterò quel grido di aiuto. Voi che pavimento avete?

Sito realizzato da www.planimetrie.net
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie